Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici ed analitici (con l'anonimizzazione degli indirizzi IP); non gestiamo pertanto alcun dato personale. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Cookies e per personalizzare le tue scelte sulla Privacy (policy aggiornata alla nuova normativa GDPR) clicca su Info, altrimenti solo su OK.

I casinò online dal 18 Luglio 2011 sono legali anche in Italia

Se fino a qualche giorno fa l'utente che avesse avuto anche una minima conoscenza dello stato della regolamentazione del gioco online da parte dello Stato Italiano (e specificatamente da parte dell'AAMS - Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, ente che ora prende il nome di ADM - Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) sapeva con assoluta certezza che nessun casinò online poteva qualificarsi come legale, a partire dal 18 Luglio 2011 la situazione è decisamente cambiata. Se quindi, da un lato, si amplia l'offerta e la si rende più trasparente attraverso i controlli effettuati da parte dell'aams stesso, dall'altra può diventare difficile distinguere un casinò online licenziatario in Italia da uno che non lo è. Ed alcuni parametri "popolari", come la presenza di testimonial famosi o la diffusione del marchio in rete non sono da prendere in considerazione, anzi a volte ingenerano maggiore confusione. Vediamo quindi nell'articolo qui di seguito quali sono le caratteristiche che dobbiamo valutare per capire quando un casinò online ha una regolare licenza aams (adm) e quando no.

Alcuni elementi fuorivianti: nome e testimonial "ingannevoli"

Come abbiamo sopra ben specificato spesso alcuni marchi di casinò online legano la propria immagine a testimonia famosi: questo non indica in nessun modo la regolarità del casinò o dell'operatore, nè puo fungere da elemento presuntivo. Inoltre alcuni casinò internazionali (un pò ad arte per la verità) scelgono nomi che facilmente possono essere associati ad un luogo (ad esempio il Casinò Rome che ha licenza addirittura nei caraibi, altro che italiana; od il Casinò di Venezia che nulla ha a che vedere con quello italiano, trattandosi di un'omonimo con sede e licenza a Malta e quindi non legale in Italia). Ricordiamo sempre quindi di accertarsi della presenza nel portale del riferimento alla licenza AAMS (ora ADM), vediamo come trovarla nel paragrafo successivo.

Analizzare il portale del casinò, nel dubbio visitare il sito AAMS (ora ADM)

La cosa più semplice da fare quando vi imbattete nel portale di un casinò online è quello di vedere bene cosa il portale stesso indica.Facciamo un'esempio pratico attraverso l'ausilio dello screenshot sottostante.

tornei di skill games

Abbiamo volutamente appannato tutte le parti del sito che non interessano ai fini della nostra trattazione, rendendo più evidente in basso a destra la presenza del logo AAMS, quella dello stemma "giocosicuro" e soprattutto il numero di concessione. Si tratta del numero di concessione GAD (ovvero Gioco a Distanza), rilasciata dall'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, ora ADM - Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

In genere tutti gli operatori autorizzati, proprio per manifestare la propria "regolarità" rispetto ad altri, mettono ben in risalto questi tre elementi, che troverete in genere in calce ad ogni portale di giochi online legale in Italia. Qualora non lo trovaste... cominciate a diffidare!

Inoltre diffidate di tutti i banner che "sbandierano" le definizioni di "casinò europeo", "casinò legale" etc.. spesso se visitate i rispettivi portali non troverete affatto il numero di concessione GAD nè i marchi dell'AAMS, ma semmai l'autorizzazione concessa da altro stato europeo, che ribadiamo non è valida in Italia (anche se la questione è da qualche tempo oggetto di discussione presso la Commissione Europea che ha aperto un "Green Book" in cui accetta proposte e considerazioni, da operatori, stati, giocatori al fine di arrivare nei prossimi anni ad una regolamentazione comune europea -speranza, secondo noi, del tutto utopistica).

In conclusione qualora aveste qualche dubbio, potrete sempre visitare il sito dell'AAMS dove troverete l'elenco degli operatori autorizzati e potrete anche segnalare il sito in cui vi siete imbattuti nel caso non fosse legale in italia. I monopoli di stato provvedono periodicamente all'oscuramento dei siti sprovvisti di regolare licenza italiana.